Magiche piante : Aloe Vera

Image

Nome botanico: Aloe vera L. (sin. Aloe barbadensis Mill. Aloe vulgaris Lamk.)
Famiglia: Liliaceae (Aloeacee)
Parti usate: Gel mucillaginoso trasparente contenuto all’interno delle foglie
L’etimologia del nome Aloe deriva dal greco e significa sale quindi… mare: in effetti sono delle piante che hanno come habitat ideale le zone di mare; è probabile che il nome della pianta possa discendere dal termine arabo che significa amaro, alludendo al succo della pianta in effetti molto amaro.
L’Aloe Vera è conosciuta da secoli per le sue proprietà medicinali ed è curioso il fatto che la ricerca moderna abbia confermato la validità di quello che già si faceva più di mille anni fa.
 
STORIA 
Image
Gli Assiri utilizzavano il succo di Sibaru, “una pianta le cui foglie assomigliavano a foderi di coltelli”, ossia il succo di Aloe, come antidoto all’ingestione di cibi avariati e per ridurre il gonfiore addominale.
L’Aloe rappresentava la pianta dell’immortalità per gli Egizi: veniva posta all’entrata delle piramidi per indicare ai Faraoni defunti il cammino verso la terra dei morti. Nel “Papiro di Ebers” si trova una descrizione botanica molto dettagliata dell’Aloe vera ed un lungo elenco delle sue proprietà curative. Il succo di Aloe era un ingrediente fondamentale della miscela segreta utilizzata per la mummificazione dei sovrani egiziani e pare che Cleopatra, famosa per i suoi bagni nel latte di capra, ordinasse di aggiungere nelle creme da massaggio anche l’aloe o di tritarla finemente in modo da ottenerne delle gocce oculari per rendere più luminoso il colore dei suoi occhi.
Secondo la leggenda, Alessandro Magno, ferito in battaglia da una freccia, fu curato con un miracoloso unguento a base di Aloe raccolta nell’isola di Socotra, e fu così che gli venne consigliato di conquistare l’isola, ricca di queste piante, per avere a disposizione un succo capace di lenire e cicatrizzare le ferite dei suoi soldati e di renderli addirittura invincibili.
In un passo del Vangelo di Giovanni si dice che venne preparata una miscela di Mirra ed Aloe per predisporre il corpo del Cristo alla sepoltura.
Dioscoride e Plinio il Vecchio descrivevano gli usi terapeutici del succo di Aloe in caso di dolori addominali, stipsi, mal di testa, insonnia, irritazioni della pelle e del cavo orale.
Nella medicina ayurvedica l’Aloe vera viene definita amica delle donne ed ancora oggi il gel di Aloe rappresenta un tonico molto efficace per i disturbi femminili, oltre che un ottimo disintossicante
CARATTERISTICHE 
L’Aloe vera è una pianta erbacea perenne, alta fino ad un metro, le foglie (dalle dodici alle trenta unità)  sono disposte a ciuffo come i petali di una rosa e si presentano lungamente lanceolate, con apice acuto, hanno una cuticola molto spessa e delle spine solo lungo i lati, sono carnose, di color verde chiaro che può sbiadire al grigio verde. Tagliando le foglie, si nota una cicatrizzazione del taglio quasi immediata; infatti la pianta libera un essudato protettivo che impedisce la fuoriuscita della linfa.può sopravvivere anche in appartamento, se luminoso, ed essere tenuta addirittura  in camera da letto perché capace di liberare ossigeno ed assorbire anidride carbonica; è una pianta molto adatta per composizioni ornamentali.

Composizione chimica
Zuccheri complessi ossia mucopolisaccaridi in particolare glucomannani, mannani e mannani acetilati (cioè legati a residui dell’acido acetico) come l’acemannano: si trovano soprattutto nella massa gelatinosa e trasparente (parenchima) contenuta all’interno della foglia di Aloe vera e svolgono un’azione immunomodulante, antinfiammatoria e cicatrizzante.
Antrachinoni come l’aloina A, in particolare l’aloina B (barbaloina): si trovano principalmente nella membrana esterna, verde e coriacea (cuticola) della foglia ed hanno un’attività disintossicante, fortemente lassativa. La barbaloina si distingue per il sapore molto amaro e per l’odore fortemente acre.
Vitamine (vitamina A, C, E, quelle del gruppo B, acido folico), minerali (ferro, rame, calcio, magnesio, zinco, cromo, potassio, sodio, manganese, selenio, fosforo, germanio), zuccheri semplici ossia monosaccaridi (mannosio, glucosio), aminoacidi essenziali e non essenziali, acidi grassi, steroli vegetali, ormoni vegetali, fosfolipidi (colina, inositolo), enzimi, saponine, lecitine, lignina.
Attività antiossidante e anti-aging:
I minerali (soprattutto manganese, rame, selenio) contenuti nel succo di Aloe sono dei costituenti degli enzimi superossido dismutasi e glutatione perossidasi, due importanti agenti antiossidanti ed antinvecchiamento cellulare. L’aminoacido non essenziale prolina, è  parte costituente del collagene. Le saponine favoriscono una migliore e più rapida esfoliazione cellulare.
Le vitamine (in particolare la vitamina C, E, B2, B6) e l’aminoacido non essenziale, cisteina, sono dei potenti antiossidanti capaci quindi di combattere i danni cellulari provocati dai radicali liberi ed in particolare dall’anione superossido.
Attività cicatrizzante e riepitelizzante:
Si tratta di un’attività direttamente correlata a quella antinfiammatoria. L’Aloe vera stimola la formazione di fibroblasti, precursori delle cellule epiteliali, e del tessuto connettivo. In questo processo di riparazione e di formazione del tessuto epiteliale, intervengono sicuramente i polisaccaridi come fattori primari; i secondi fattori pare siano gli ormoni vegetali, gibberelline e auxine (5-6).
Gli studi più recenti sono incentrati a dimostrare la capacità del gel di Aloe nel prevenire l’ischemia dermica progressiva causata da radiazioni e da ustioni, e l’efficacia del gel nel trattamento delle ulcere diabetiche, delle ulcere croniche e della Psoriasis vulgaris.
Attività antibatterica ed antifungina:
Gli effetti antimicrobici dell’Aloe vera sono paragonabili a quelli della sulfadiazina d’argento, un antibiotico della famiglia sulfamidici utilizzato molto spesso a livello topico per prevenire le infezioni della pelle in pazienti ustionati.Attività antivirale:
L’acemannano in particolare, zucchero polimerico isolato nel succo di Aloe vera, presenta significativa attività antivirale nei confronti di diversi virus per esempio l’HIV-1 ed il Paramyxovirus (il virus del morbillo).

Attività antinfiammatoria e analgesica:
L’Aloe vera svolge una significativa azione antinfiammatoria ed antidolorifica, per applicazione sia topica che orale, e la sua attività antiflogistica è mediata dall’inibizione della produzione: di prostaglandine da parte dell’enzima bradichinasi; di istamina da parte del magnesio lattato; e di i leucotrieni da parte di particolari glicoproteine come l’aloctina A.
L’enzima bradichinasi contenuto nell’Aloe, è capace di idrolizzare la bradichinina, una sostanza endogena di struttura polipeptidica, responsabile di numerosi eventi caratteristici del processo infiammatorio: vasodilatazione, aumento della permeabilità vascolare, azione contratturante sulla muscolatura, sensazione di calore, dolore, arrossamento, gonfiore; possiamo dire quindi che l’Aloe vera è un ottimo rimedio antinfiammatorio ed antidolorifico

Tonico gastrointestinale ed attività gastroprotettiva:
Il succo di Aloe vera permette di risolvere i più comuni disturbi dell’apparato gastrointestinale come spasmi addominali, bruciore di stomaco, dolore e gonfiore; il gel di Aloe normalizza le secrezioni intestinali, influenza la flora batterica intestinale, stabilizza il pH a livello di stomaco e intestino, migliora la funzionalità del pancreas e nel colon limita la proliferazione degli agenti patogeni riducendo i fenomeni putrefattivi.
Il gel di Aloe può migliorare alcune forme di gastriti (ulcere peptiche) e di infiammazioni intestinali (colon irritabile); l’efficacia del gel è da attribuire alla sua azione cicatrizzante, antinfiammatoria, analgesica e alla capacità di rivestire e proteggere le pareti dello stomaco.

Concludendo vi lascio qualche ricettina  a base di Aloe, naturali ed efficaci 😉

♦  Latte detergente per pelli normali/secche: unendo un cucchiaio di gel di Aloe vera a 50 ml di latte intero1 cucchiaino di olio d’oliva ed uno di miele, si ottiene un efficace latte detergente lenitivo ed idratante. Va applicato sulla pelle e massaggiato. Dopo si risciacqua con acqua tiepida.
♦  Crema viso per tutti i tipi di pelle: con due cucchiai di gel di Aloe vera, uniti a 10 gocce di olio di Argan e 10 gocce di olio di mandorle dolci, si arriva ad ottenere una crema/gel leggerissima per il viso adatta a tutti i tipi di pelle. Ma a seconda delle tue esigenze puoi benissimo modificare a piacimento la quantità di oli: ad esempio, se la tua pelle è particolarmente grassa e noti che il composto sia troppo pesante, diminuisci le gocce a 8. Se al contrario è secca, puoi aumentarle per ottenere più idratazione (12-15 gocce ciascuno). Da notare che questa formulazione non contiene sostanze che occludono i pori: per questo motivo questa crema/gel è adatta a tutte le stagioni, specialmente a quella estiva.
♦  Crema mani: per creare velocemente una buona crema mani ti servirà una noce di gel di Aloe vera5 gocce di olio di Iperico e 5 di Calendula. Mentre la calendula ha un potere lenitivo, essenziale per questa parte del corpo che sta sempre a contatto con l’esterno, l’iperico aumenta l’azione cicatrizzante dell’Aloe vera e per questo motivo è l’ideale in inverno quando le mani tendono a screpolarsi facilmente.
♦  In caso di acne e pelle impura: questa è la ricetta più facile e semplice di tutte, da fare soprattutto se si ha a disposizione la pianta fresca. Si estrae la parte centrale (quella trasparente) e si fa bollire in un pentolino con dell’acqua. Si toglie dal fuoco e si lascia riposare tutta la notte. Al mattino basta eliminare il gel trasparente e lavare il viso con l’acqua rimasta al posto della normale acqua: le proprietà antibatteriche che possiede il gel, infatti, sono passate nell’acqua che hai messo a bollire e puoi beneficiarne appieno per eliminare le impurità dal viso.
———

FONTE:
http://www.my-personaltrainer.it/
http://www.ilmiomakeup.it/

Annunci

8 pensieri su “Magiche piante : Aloe Vera

  1. Pingback: Review : ALO&SCRUB VISO by Bioearth | Tenebrika Beauty

  2. Pingback: Mi faccio il gel di Aloe – prove di spignatto | Tenebrika Beauty

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...